Jesuit Social Network
rete delle attività sociali promosse dalla Compagnia di Gesù
facebookTwitterGoogle+

Una tragedia annunciata, serve un cambio di rotta

Centro Astalli

11 Feb 2015

Il Centro Astalli esprime dolore e cordoglio per la terribile morte di più di200 perone la notte scorsa a largo di Lampedusa.

“Ancora una volta, attoniti davanti all’orrore, ci troviamo a chiedere la creazione immediata di canali umanitari sicuri che evitino a uomini e donne in fuga da guerre e persecuzioni di rischiare la vita affidandosi a trafficanti di essere umani” così commenta P. Camillo Ripamonti, presidente Centro Astalli.

Sono sempre più urgenti soluzioni efficaci che assicurino l’incolumità dei rifugiati.

“Mentre il dibattito tra Stati e istituzioni europee continua ad essere sempre più incentrato su questioni prettamente economiche e finanziarie, la vita e i diritti dei migranti vengono regolarmente messi in secondo piano. Ma noi non vogliamo e non possiamo accettare che il Mediterraneo continui a essere un cimitero”.

Dopo un anno in cui l’Italia si è adoperata per salvare migliaia di vite umane nel Mediterraneo, l’operazione Mare Nostrum è stata interrotta. L’operazione Triton che è subentrata ha un raggio di azione molto più ridotto e il suo obiettivo primario è quello di controllare le frontiere esterne dell’Unione.

Conclude Ripamonti: “È necessario intensificare gli sforzi, sul piano operativo ma anche normativo, per consentire ai rifugiati di arrivare in sicurezza, fermando le stragi alle frontiere e ponendo fine alla piaga del traffico di esseri umani”.

Donatella Parisi – Responsabile comunicazione Centro Astalli – d.parisi@fondazioneastalli.it

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni