Jesuit Social Network
rete delle attività sociali promosse dalla Compagnia di Gesù
facebookTwitterGoogle+

Io sostengo da vicino

stengo da vicinoIo sostengo da vicino è una campagna di raccolta fondi che il Centro Astalli propone per aiutare i rifugiati che vivono nelle nostre città, il nostro prossimo più prossimo. Per non vederli non basta spegnere la televisione, ma dobbiamo proprio chiudere gli occhi e accontentarci di restare al buio. Ci sono molti modi possibili per aiutare i rifugiati, diventando un “sostenitore da vicino“: in questa pagina te ne indichiamo alcuni, molto concreti.

Un pasto caldo ai rifugiati

La mensa è aperta cinque giorni a settimana, grazie all’impegno costante di decine di volontari. Ogni giorno si cucinano e si servono più di 400 pasti caldi. Dal corridoio di via degli Astalli comincia per molti richiedenti asilo e rifugiati un cammino di sostegno e integrazione. Questo percorso, però, oggi risulta più faticoso e lento. La crisi colpisce tutti, ma è più crudele con chi in Italia non ha famiglia né amici e si trova costretto a fare una fila per mangiare.

Offri un pasto a un rifugiato!

Con 5,00 € per un giorno

Con 25,00 € per una settimana

Con 100,00 € per un mese

Un sostegno alle vittime di tortura

La tortura, anche se unanimemente condannata, viene largamente praticata ancora oggi. Per il Centro Astalli accompagnare le persone che vivono una situazione di vulnerabilità significa camminare con loro, sostenerli nei primi delicati passaggi della loro permanenza in Italia fino a una elaborazione più compiuta dei loro traumi. Il disagio di queste persone è spesso silenzioso e rischia di essere sottovalutato o ignorato del tutto, con gravi conseguenze sulla loro vita futura.

Con 30,00 € puoi offrire un tutore per un braccio

Con 70,00 € puoi offrire un tutore per la gamba

Con 100,00 € puoi offrire un paio di occhiali a chi ha problemi di vista

Con 150,00 € puoi offrire un busto per la riabilitazione della schiena

Un aiuto per le famiglie rifugiate

Quando la migrazione forzata è un’esperienza che coinvolge tutta la famiglia, compresi i bambini, ritrovare un equilibrio in un nuovo contesto è particolarmente complicato. Per questo la comunità per famiglie rifugiate, il primo dei servizi del Centro Pedro Arrupe, cerca di assicurare alle famiglie ospiti una routine che si avvicini a una quotidianità “normale”, tanto importante per la serenità dei più piccoli. Sempre più spesso, poi, le famiglie accolte nella comunità hanno un solo genitore, che deve prendersi cura di uno o più figli. In questo caso le sfide si moltiplicano.

Con 100,00 € aiuta il Centro Astalli a provvedere per un anno al necessario per la scuola di un bambino ospite del Centro Pedro Arrupe (grembiulini, quaderni, zaini, astucci, libri etc…)

La tessera dell’autobus per i rifugiati

Spesso spostarsi in un grande città per un rifugiato può essere molto complicato e oneroso. Il Centro d’accoglienza, la scuola di italiano, la mensa, l’ambulatorio, l’operatore socio legale spesso si trovano in posti anche molto distanti della città. La tessera dell’autobus diviene ben presto un bene di prima necessità, senza la quale il percorso di integrazione nel nuovo contesto sociale può essere ancora più complesso.

Con 35,00 € al mese aiuti il Centro Astalli a comprare la tessera ad un rifugiato.

Una patente per l’autonomia

Il Centro Astalli si è impegnato nello sviluppo di un progetto di pre-scuola guida che miri a facilitare uomini e donne rifugiati nel superamento dell’esame teorico per la patente B, mettendo anche a disposizione un fondo per le spese legate ai costi degli esami sia teorico che pratico. La patente di guida è un requisito frequentemente richiesto nelle offerte di lavoro che possono interessare sia gli uomini rifugiati (autisti, consegne per i supermercati, assistenti familiari, spedizionieri etc…) che per le donne ( baby sitter, assistenti familiari, badanti, etc…).

Con 350,00 € regali un corso di scuola guida a un rifugiato o una rifugiata.

Regala agli studenti italiani un incontro con un rifugiato

Finestre- Storie di Rifugiati è il progetto con cui il Centro Astalli permette agli studenti delle scuole secondarie superiori di conoscere e approfondire il tema del diritto d’asilo. Attraverso l’incontro diretto con i rifugiati, l’utilizzo del sussidio Nei panni dei Rifugiati viene data la possibilità ai giovani di conoscere i principali conflitti internazionali e i più cruenti regimi dittatoriali.

Mondi e realtà lontani che giungono in classe attraverso la voce di uomini e donne che raccontano con grande dignità la loro storia di violenze e persecuzioni. L’obiettivo del progetto è quello di aprire le menti e i cuori delle nuove generazioni, offrendo gli strumenti per guardare il mondo scevri da pregiudizi e luoghi comuni.

Con 60,00 € sostieni il Centro Astalli nella realizzazione del progetto Finestre in una classe secondaria superiore.

Come partecipare

Bonifico Bancario, Banca popolare di Bergamo, sede di Roma, via dei Crociferi 44 – 00187; ABI 5428 – CAB 03200 – CIN N –
Conto corrente n. 98333, intestato a Associazione Centro Astalli
IBAN IT 56 N 05428 03200 000000098333.
Conto corrente postale, n. 49870009, intestato a: Associazione Centro Astalli – via degli Astalli 14/A – 00186 Roma
Direttamente dal portale Il Mio Dono (www.ilmiodono.it) e ricercando fra le organizzazioni il Jesuit Social Network
Nella causale va indicata la dicitura “Io sostengo da vicino” e la destinazione della propria offerta.